• Il Mio Salotto

Vedete quello che vedo io?

Aggiornamento: 7 nov

Voglio farvi una domanda. Vedete quello che vedo io? Quando guardiamo un quadro di Velázquez o di Reubens vediamo la stessa cosa? Cosa vedete in opere più moderne come "My Bed" di Tracy Emin? Quanto di ciò che intendiamo come soggetto di un'opera d'arte è una manipolazione dell'artista per farci "vedere qualcosa"? E quanto invece è la nostra risposta, spesso inconscia, agli stimoli visivi a influenzare ciò che effettivamente vediamo?


Gli artisti creano illusioni


Nel corso degli anni gli artisti hanno lavorato duramente per creare illusioni ottiche nelle loro opere. Si pensi, ad esempio, ai dipinti di nature morte che possono sembrare tridimensionali. Ci sono artisti del gesso che lavorano su superfici piatte come marciapiedi, gradini ed edifici per creare opere tridimensionali che ingannano la mente. Prendiamo il lavoro di Julian Beever (https://www.julianbeever.net/ ). Sul marciapiede appaiono enormi caverne che le persone hanno paura di attraversare nel caso in cui cadano, ma naturalmente si tratta di un'illusione molto intelligente.


Julian Beever 3D streetart


Ma cosa determina ciò che vediamo? E quanto della nostra "visione" quando guardiamo un'opera d'arte è il prodotto delle nostre esperienze e attitudini?


Pareidolia


Il motivo per cui pongo questa domanda è che ho avuto un'esperienza recente con un mio lavoro in cui le persone potevano vedere nel dipinto cose che non erano previste. Esiste una parola per definire questa tendenza/abilità: "pareidolia". Forse avete visto notizie di persone che hanno visto icone religiose e/o volti apparire in verdure tagliate o in formazioni di nuvole? Questi sono esempi di pareidolia, in cui le persone assegnano significati a modelli casuali, qualcosa che ha affascinato gli scienziati per anni.


Mi fa pensare al test delle macchie d'inchiostro di Rorschach (https://www.rorschach.org/), che utilizza il concetto di pareidolia per cercare di capire lo stato mentale di una persona. Si tratta di un test che fondamentalmente esamina quali pensieri e sentimenti vengono suscitati dagli intervistati in risposta a immagini ambigue di macchie d'inchiostro.


Nel mio caso, un mio dipinto astratto intitolato "Whoosh!" ha suscitato ogni sorta di commenti interessanti da parte dei miei follower di Facebook sulla mia pagina fan artistica. Un altro artista mi ha fatto conoscere l'idea della pareidolia grazie alle mie reazioni sorprese a quelle risposte.


Whoosh - Dorothy Berry-Lound

Guardando questo dipinto, una persona ha detto di aver visto delle meduse. Un'altra è riuscita a vedere chiaramente un pesce angelo. E un altro ancora un pavone. Eppure si tratta di un dipinto astratto che esplora combinazioni di colori blu e arancione utilizzando una tecnica di stesura acrilica: non era previsto alcun pesce o animale.


Quindi, tornando alla mia domanda iniziale, se vedete quello che vedo io, la risposta sembrerebbe essere: non sempre, forse. Ma guardiamo un po' più in profondità.


Il pensiero è reale, la fisica è l'illusione


Tornando all'idea di vedere forme, oggetti e volti nelle nuvole, è ovvio che le persone interpretano le nuvole da anni, era un gioco che facevamo quando ero bambino (cercavamo anche cose nelle foglie di tè, ai tempi in cui non c'erano le bustine). Appare anche nella nostra cultura popolare. Per esempio, nella canzone "Big Sky" di Kate Bush, lei esclama entusiasta: "Quella nuvola, quella nuvola sembra l'Irlanda!". Ricordo che nel film "What Dreams May Come", i due protagonisti, interpretati da Robin Williams e Annabella Sciorra, si sdraiano sulla schiena e descrivono ciò che vedono nelle nuvole.


Mamatus Storm Clouds Over Paciano - Dorothy Berry-Lound

Un altro personaggio dello stesso film, interpretato da Cuba Gooding Jr, afferma: "Il pensiero è reale, il fisico è l'illusione". Questo mi porta a chiedermi: è così che interpretiamo l'illusione, l'arte che stiamo guardando, con i nostri pensieri, piuttosto che con ciò che vediamo realmente con i nostri occhi? E come facciamo a sapere che stiamo vedendo tutti gli stessi colori?


Che cos'è quel colore?


Facciamo supposizioni su ciò che vediamo


Diamo sempre per scontato di vedere gli stessi colori. Quindi, se ti dico che qualcosa è di uno splendido colore rosso e tu sei d'accordo, presumo che tu veda la stessa cosa che vedo io. Ma una recente ricerca (https://www.livescience.com/21275-color-red-blue-scientists.html ) suggerisce che non vediamo sempre la stessa cosa, che la nostra prospettiva cromatica individuale può essere leggermente diversa. Ma "sentiamo" i colori allo stesso modo, ad esempio il cielo è sereno perché è così che si sente piuttosto che perché entrambi vediamo la stessa tonalità di blu. Questa è la differenza tra vedere e sperimentare un colore, secondo un recente articolo del The Guardian (https://www.theguardian.com/lifeandstyle/2021/jan/29/readers-reply-how-can-we-tell-if-we-see-colours-in-the-same-way ).



Alcune persone vedono davvero le cose in modo diverso


Alcune persone nascono daltoniche, anche note come dicromie. Il tipo più comune è quello in cui i rossi e i verdi si confondono. Oggi esistono occhiali per daltonici che possono "correggere" i colori. Si potrebbe pensare che una persona daltonica abbia una prospettiva del mondo diversa dalla mia. Ma stiamo ancora "vedendo" le stesse cose e ciò che vediamo è normale per noi. Questo vale anche per le persone (di solito donne) che possono vedere uno spettro di colori molto più ampio degli altri, noto come tetracromia. Ho alcuni colleghi artisti che rientrano in questa categoria. Quindi, anche se vediamo lo stesso colore, potrebbe non essere affatto una tonalità simile.


È tutto nella presentazione?


Va notato che la nostra percezione del colore può essere distorta dal modo in cui viene presentato. Ad esempio, un quadro può essere esposto in un angolo buio e i colori sembrano smorzati. Se si espone lo stesso quadro in un'area con luce intensa, i colori possono apparire completamente diversi. Lo stesso vale se visualizziamo l'arte sul monitor del nostro computer. Ogni computer può avere il monitor con impostazioni diverse di luminosità e saturazione dei colori. Quindi, potrei essere seduto a guardare lo stesso dipinto che state guardando voi sullo schermo del computer, ma potremmo vedere tonalità e sfumature diverse a causa delle differenze nelle impostazioni del monitor.


Le nostre esperienze influenzano la nostra percezione


Un'altra questione che riguarda la nostra reazione al colore è che la nostra esperienza ha anche un impatto sul modo in cui vediamo il mondo che ci circonda. Le persone possono amare o odiare un colore, o un oggetto fisico, ma ciò può essere determinato da un'esperienza positiva o negativa ad esso associata. Ad esempio, qualcuno potrebbe odiare il colore arancione perché gli è capitato qualcosa di brutto in una stanza arredata in arancione. Allo stesso modo, qualcuno potrebbe essere attratto da una particolare tonalità di rosa perché gli ricorda un oggetto preferito che aveva da bambino.


Pensiero finale


Torniamo quindi alla domanda iniziale. Quando guardiamo un'opera d'arte, voi vedete quello che vedo io? Sembrerebbe che, sebbene sembriamo vedere le stesse cose e pensiamo di vederle, in realtà non è necessariamente così.


Per conoscere meglio la nostra artista scrittrice Dorothy e vedere alcune sue opere, visitate il suo sito internet https://dorothyberryloundart.com/


51 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti