I Miei Ospiti

Duca Savino.jpg

Duca Savino

logoDucaSavino.jpg

Incisore - Scultore - Pittore

Luca Savino, in arte “Duca” è italiano, classe 1986, nato e cresciuto a Padova ma attualmente risiede a Palermo anche se ha un animo nomade.
Fin da piccolino mostra il suo interesse e l’indiscutibile talento specialmente verso la pittura. “Osservavo mia madre pittrice e mio nonno, che si dedicava ai falsi d’autore. Mi piaceva imparare giocando con loro”. Una volta adolescente, usava la sua passione per dipingere magliette agli amici.
Oltre alla pittura si dedica alla scultura e già dai nove anni, nel 2012 tiene le sue prime mostre professionali.
Ha trascorso gli anni universitari tra le colline marchigiane e un anno in una grotta a Granada in Andalusia, e queste esperienze gli hanno fatto capire che avrebbe voluto fare l’artista di professione, e far diventare la pittura il suo primo impegno, perché per lui dipingere nasce dalla necessità di galleggiare nel suo mondo e ricerca di se stesso.

KARIN BAEDEKER

KaBae logo.png

Pittrice Astratta

Karin Baedeker è tedesca, nata e cresciuta a Bergkirchen nella campagna bavarese. Vive tra la città di Monaco e Bergkirchen.

Ha studiato storia dell’Arte presso l'LMU di Monaco di Baviera, e durante i suoi anni universitari ha vissuto tra Monaco, Bamberg e Amburgo.

La sua arte e’ astratta, ama giocare con i colori e con le forme degli elementi naturali e non, particolarità della sua tecnica è l’utilizzo di una spatola e delle patate per creare scritte e differenti strati sulla tela.

KarinBaedeker_edited.jpg
Itto.jpg

ITTO

Itto.jpg

Fotografo

Con la sua fotografia, a Itto piace raccontare l’anima di una città. L’atmosfera di un luogo così come (nel bene e nel male) plasmato dalla gente, ma ne vuole raccontare il carattere senza la presenza umana (o ridottissima). E’ proprio questo che dice spesso: gira con la sua grossa macchina fotografica in ore strane (predilige l’alba) e insegue le vibrazioni. Gli piace considerare il paesaggio urbano come se le case fossero persone in posa. Dice che la forma dei palazzi, delle piazze, i giochi di luce e i riflessi non sono mai casuali.